Ancora oggi c’è chi vive in un polmone d’acciaio

Paul Alexander, nato nel 1946, è una delle ultime persone a vivere in un polmone d’acciaio. Avvocato e scrittore, ha contratto la poliomielite nel 1952 all’età di sei anni, con una conseguente paralisi dal collo in giù. Oggi Paul, che ha 76 anni, è ancora vivo grazie al grande ventilatore in acciaio che gli ha permesso di respirare per sette decenni.

Nel corso della sua vita, si è diplomato con lode al liceo, ha ricevuto una borsa di studio alla Southern Methodist University dopo essere stato rifiutato per la prima volta dalla scuola.

Ha frequentato le lezioni su una sedia a rotelle per brevi momenti in cui poteva sfuggire al polmone d’acciaio, e si è laureato nel 1984 in giurisprudenza presso l’Università del Texas.

Nel 2020, Paul ha scritto un libro sulla sua esperienza.

Ha impiegato cinque anni per farlo, scrivendo lui stesso ogni parola con una penna attaccata a un bastoncino che teneva in bocca.

Paul ha ammesso che adattarsi alla vita nel polmone d’acciaio è stato estremamente difficile.

Ha dovuto imparare a respirare a “rana”, usando i muscoli della gola per spingere l’aria nei polmoni, quando era fuori dal ventilatore.

“Non volevo morire, quindi ho continuato a combattere. La mia storia è un esempio del motivo per cui il tuo passato o anche la tua disabilità non devono definire il tuo futuro” ha dichiarato.

“Volevo realizzare le cose che mi era stato detto che non potevo realizzare e realizzare i sogni che sognavo. Non importa da dove vieni o quale sia il tuo passato, o le sfide che potresti dover affrontare. Puoi davvero fare qualsiasi cosa. Devi solo metterlo in testa e lavorare sodo.”

Sabrina, Dodo e Mimi alla scoperta dell’America

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.