Gli americani lo dicono così

Voglio riallacciarmi al post di Tornoavivereinamerica, “Modi di dire dell’American English”, apparso qualche mese fa qui su Usa Coast To Coast, per poter dare anche io il mio personale contributo all’elenco di frasi fatte e modi di dire in American English, dato che la materia risulta essere davvero vasta, anche a seconda dello Stato americano in cui si vive.

A tal proposito, la butto lì, potrebbe essere utile e divertente se aprissimo proprio qui, su Usa Coast To Coast, uno spazio comune a tutti i collaboratori, per raccogliere i modi di dire che abbiamo sentito e imparato nel corso degli anni vissuti in USA.

Durante questi anni americani, ho capito che, per padroneggiare bene una lingua, non basta semplicemente saperla parlare.
Serve conoscerne le sfumature e i sottintesi, costituiti dai modi dire, le frasi fatte, i proverbi locali, che fuori da quel Paese e decontestualizzati, spesso assumono figure prive di significato, per chi non è nativo di quel posto e in quel posto non ci è cresciuto, anche se la lingua la conosce e la parla correntemente.

Ci si accorge di quanto il loro uso quotidiano sia tanto diffuso, soprattutto quando ci si trova a dover parlare una lingua diversa dalla propria e 1) proviamo a usare i nostri modi di dire nella lingua straniera e, appena il nostro interlocutore americano assume un’espressione perplessa, ci blocchiamo come un vecchio sistema operativo, che ha bisogno urgente dell’ultimo aggiornamento.
ATTENDERE PREGO…
2) Il nostro interlocutore americano pronuncia con estrema naturalezza i suoi modi di dire nella sua lingua, mentre noi mostriamo un’aria da sveglioni, per fargli credere che stiamo capendo tutto, ma in realtà stiamo pensando di iscriverci di nuovo in prima elementare.

Una volta, da ragazzo, stavo partecipando ad un dibattito, durante un grande pranzo di famiglia.
Senza voler entrare nel merito della questione, in questa sede ininfluente, a conclusione di quella lunga conversazione, un mio zio sentenziò lapidario:

“In effetti, se le cose stanno davvero così, non possiamo dirlo a priori.”

Seguì un lungo silenzio, a dimostrazione che quella conclusione era stata accettata e condivisa dall’intera tavolata, da grandi e piccini.
Senonché, la cuginetta più piccola della famiglia, cioè sua figlia, ruppe a un tratto quel silenzio armonioso, chiedendo con sincero stupore:

“Papà, chi è questo signor Priori?
E perché non glielo possiamo dire?”

Ecco, quando mi trovo davanti a qualche nuova frase fatta o locuzione americana che non riesco a riconoscere e quindi a comprendere, mi sembra di regredire all’età di un bimbo. Mi ritrovo a fare domande ingenue, tipo quella della mia dolce cuginetta, che all’epoca avrà avuto 8 anni.

Ora, non discuto che, ogni tanto, fa bene tornare bambini.
Ma, sapete com’è, se poi ti guardi allo specchio, a furia di vedere un moccioso con la barba e i capelli brizzolati, un briciolo di disagio, presto o tardi, cominci a percepirlo.

Per questo motivo, ho cominciato a raccogliere tutti i modi di dire, le frasi fatte e i proverbi con cui mi sto scornando durante questi anni di comunicazione a stelle e strisce.

Eccone un piccolo assaggio nel mio post: “Si fa per dire”.

Pietro, Provenzano’s blog


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.