La sedia di Abraham Lincoln

Il presidente Abraham Lincoln era seduto su questa sedia a dondolo durante la rappresentazione di “Our American Cousin” al Ford’s Theatre di Washington DC, quando fu assassinato il 14 aprile 1865.

Originariamente acquistata come parte di una suite da salotto, la sedia a dondolo era destinata all’uso in una sala di ricevimento del Ford’s Theatre, acquistata da Harry Clay Ford (nessuna relazione con Henry Ford) manager del teatro.

Tuttavia, la comoda sedia iniziò ad essere utilizzata dagli uscieri durante i loro momenti di inattività e il tessuto si sporcò del loro olio per capelli.

Nel 1864, Harry Ford fece spostare la sedia nel suo appartamento dall’altra parte del vicolo del teatro, nel tentativo tardivo di tenerla pulita.

A partire dall’apertura del teatro nel 1863, Lincoln divenne un assiduo frequentatore e ad un certo punto, il signor Ford iniziò a fornire a lui e al suo partito comodi mobili per sedersi.

Apparentemente il presidente preferì questa sedia a dondolo forse a causa della sua altezza, e nel pomeriggio del 14 aprile 1865, essa venne portata nel palco insieme a un divano e ad una sedia laterale abbinati.

Il presidente Lincoln fu assassinato in un momento in cui il suo paese aveva bisogno di lui per completare il grande compito di riunificare la nazione.

Nello stand presidenziale del Ford’s Theatre, Abraham e Mary Lincoln si stavano tenendo per mano godendosi lo spettacolo, quando il proiettile colpì il presidente alla nuca.

Nel 1875, dopo aver subito l’ulteriore shock di vedere suo marito assassinato al suo fianco e dopo anche la morte del suo terzo figlio avvenuta nel 1871, Mary fu ufficialmente dichiarata pazza.

Coloro che videro la vittima dopo la sua morte, sottolinearono il suo aspetto pacifico:

“Non avevo mai visto sul volto del presidente un’espressione più geniale e piacevole, uno sguardo di indicibile pace apparve sui suoi lineamenti consumati”.

Dopo l’assassinio, il teatro e il suo contenuto furono sequestrati dal governo federale e la sedia venne infine inviata alla Smithsonian Institution, dove rimase in deposito per mezzo secolo.

Nel 1927 la vedova di Harry Clay Ford, il manager del teatro, fece domanda per la restituzione della sua sedia che le venne riconsegnata nel 1929.

La signora Ford la vendette ad un’asta di New York e fu acquistata per 2.400 dollari da un commerciante di mobili antichi americani conoscente di Henry Ford, a cui la offrì subito dopo.

A quel tempo, Ford stava collezionando oggetti per il suo museo e la sedia divenne immediatamente il fulcro della collezione dell’Henry Ford Museum.

L’industriale, che era sempre stato un grande ammiratore di Lincoln, fu così entusiasta della sua nuova acquisizione che fece filmare il disimballaggio della sedia al suo arrivo.

I visitatori del museo ne sono attratti non solo per il suo ruolo al centro di una tragedia, ma come simbolo di un presidente amato.

Questa sedia a dondolo personifica il sacrificio compiuto da Abraham Lincoln nel modellare un’Unione più perfetta.

Sabrina, Dodo e Mimi alla scoperta dell’America


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.