American scouting

Uno degli aspetti che apprezzo di più della vita in Florida è il clima pressoché estivo durante tutto l’arco dell’anno.
Questo, per esempio, ci permette di vivere i campi scout autunnali e invernali delle nostre piccole pesti con un altro spirito: niente di più piacevole che poter trascorrere un weekend di fine ottobre, immersi nella natura subtropicale, in maniche corte tutto il giorno, potendo dormire in tenda, senza dover ricorrere al sacco a pelo d’alta montagna e alla tuta di Superpippo come intimo.

Così, si ritorna a casa ricchi di ricordi emozionanti, fatti di fotografie sorridenti, canti attorno al fuoco, attività ludiche per ogni età, pasti in gruppo all’aria aperta, proiezioni cinematografiche sotto incredibili cieli stellati, marmocchi urlanti e scalmanati in piena libertà fino a tarda ora, giri in canoa su graziosi laghetti infestati dagli alligatori e le immancabili zanzare vigliacche, sempre in smaccata superiorità numerica: due di loro ci bloccavano, afferrandoci per le braccia, mentre le altre ci prendevano a sberle.
Ne porteremo memoria per le prossime settantasette settimane, je pòssino.

Un esemplare di alligatore avvistato al campo di Punta Gorda. L’animale è considerato uno dei simboli della Florida.

Quest’anno ci è toccato un campo chiamato “Camp Miles”, situato dalle parti di Punta Gorda, sopra Fort Myers, a un’ora di macchina da casa nostra.

Una delle principali peculiarità dei campi scout americani è la mancanza di elettricità quasi totale. I cellulari, senza ripetitori nelle vicinanze, funzionano solo per fare foto, fintanto che la batteria resiste. Dopodiché, spazio solo alla memoria di ciascuno, nella speranza che sia bella capiente, perché di attimi salienti da ricordare, alla fine di un’esperienza del genere, ve ne sono sempre una infinità.

Ma se dovessero chiedermi quale è stato il momento di questo campo scout che più mi ha emozionato e che ricorderò in maniera indelebile, beh, non avrei alcun dubbio, l’Oscar va tutto alla piccola peste più… piccola, la quale questa volta ha proprio esordito col botto, sorprendendo davvero tutti.

Vi racconto cos’ha combinato nel post “Noi, mocciosi duri”.

Buona lettura!

Pietro, Provenzano’s Blog

Pubblicato da pietroprovenzano

Scrittura, Comunicazione, Web: tre passioni che, ad un certo punto, sono diventate un lavoro (Web Content Manager/Copywriter), per conto di una web agency torinese, per la quale ho curato la parte SEO e SMO dei clienti, occupandomi di Social Media Strategy e costruzione di ecosistemi digitali. Ma la vita è sempre piena di sorprese, incontri inaspettati, circostanze impreviste, scelte giuste e scelte sbagliate. Sicché, impegnato tra un progetto e l'altro, ecco che ora mi ritrovo a vivere sull'altra sponda dell'Oceano Atlantico, a svolgere un lavoro totalmente diverso, nel campo della ristorazione. Una storia lunga. Talmente lunga, che ho deciso di raccontarla nel libro: "Tirati su, sei un budda anche tu", le cui vendite su Amazon.it stanno contribuendo ad aiutare un orfanotrofio del Nepal. Se volete saperne di più… Un cambiamento drastico, dunque. Ma come si può notare, è rimasta a farmi compagnia la mia prima passione, quella di sempre, che non mi abbandonerà mai: la scrittura :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: