Guidare in Italia vs guidare in USA – Atto II

Nel post precedente, ho provato a sensibilizzare gli automobilisti italiani sulla comodità del cambio automatico e convincerli ad abbandonare quello manuale.

Tentativo velleitario, lo so.
Non riesco a cambiare me stesso, figuriamoci il mondo.
E miracoli non ne ho mai visti in vita mia.
Tranne quella volta in cui mia moglie mi diede ragione. Era il lontano ’91, se non erro.
Esatto, non ci eravamo nemmeno ancora conosciuti.
Infatti parlavo di miracoli.

Nell’attesa che ciò avvenga, proseguo col segnalare ulteriori differenze tra la guida in Italia e quella negli Stati Uniti d’America.
Si tratta di piccole discrepanze, che forse potranno lasciare la maggior parte dei lettori indifferente, o al più appena interessati.
Ma per me, che ho la necessità di trascorrere periodi in Italia con una certa regolarità e la tendenza a crogiolarmi nelle mie comode abitudini, queste differenze stanno cominciando a turbare il mio equilibrio mentale.

Cercherò dunque di affrontare i seguenti argomenti destabilizzanti per tutti gli automobilisti abitudinari come me:

  1. ancora sul cambio automatico contro quello manuale: ultimo appello disperato!
  2. Il clacson che suona appena chiudi la macchina americana col telecomando. Quell’infame.
  3. I distributori di benzina americani: per quale perverso motivo i colori delle bocchette erogatrici sono stati invertiti? Un singolare caso di daltonismo collettivo?

Troppa carne al fuoco, forse.
Ce la farò ad arrostirla tutta?
E, soprattutto, ce la farete voi a digerirla tutta?
Lo potrete scoprire soltanto leggendovi: “L’automobilista abitudinario”!

PIetro, Provenzano’s blog


4 risposte a "Guidare in Italia vs guidare in USA – Atto II"

  1. Pietro, non mi convincerai mai sul cambio automatico e saranno i 20+ anni di vita in USA, ma quando guido in Italia rimpiango molte cose della guida americana, in primis la semplicita` di usare i distributori di benzina: scegli la benzina metti la carta di credito, fai il pieno o ne metti quanta ne vuoi premi ricevuta e te ne vai. In Italia devi entrare nel casotto per pagare con la carta di credito e se il distributore e` chiuso e devi usare l’automatico, non e` poi cosi` semplice. 1) c’e` un centro pagamenti unico, 2)molte volte non si puo` usare la carta di credito 3) certe volte ti da` solo le opzioni 10 E 25E 50 E e mo’ che fai? lo so e` la vecchiaia che avanza…. la mia mente diventa sempre meno elastica. PS: in compenso vuoi mettere la socializzazione del benzinaio che vendendo una carta di credito americana, ti tiene li` per dieci minuti a contartela dopo il classico” Ma come si vive in USA?”

    Piace a 1 persona

  2. Sì Claudia, sulla semplicità di usare i distributori americani sono pienamente d’accordo con te, in tutti i punti elencati!
    Il problema sorge quando uno deve passare periodicamente da un tipo di distributore all’altro e deve ricordarsi pregi e difetti di ognuno…
    Però sulla questione del colore della bocchetta rimango ancora molto perplesso! 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.