Bandiera rotta, onor di capitano?

Photo by Stephanie McCabe on Unsplash

Qualche sera fa, ho accompagnato le mie due piccole pesti ai Boy Scouts.
Di solito, se ne occupa mia moglie, ma stavolta ho voluto strafare, giusto per dimostrare chi è che porta i pantaloni in casa.
Quando lei non c’è, intendo.

Ma non è questo il punto. Il punto è che pensavo di andare a trascorrere un’oretta divertente e istruttiva con le bambine.
Cosa mai potevo immaginare mi accadesse di così imprevedibile ad un ritrovo di bravi figlioli?
Mi aspettavo, per esempio, di imparare a costruire una casa sull’albero del proprio backyard, senza maltrattare la pianta.
Oppure, credevo di assistere a una lezione su come compiere buone azioni e mantenere sempre le proprie promesse.
Cose così, insomma.
Invece, a cosa ho assistito?

Al rituale su come si brucia la bandiera.

Quella americana. 



Sì, sì, proprio quella a stelle e strische, bianca rossa e blu. Quella che da queste parti campeggia quasi ad ogni angolo di casa, ufficio, film, viaggi, auto fogli di giornale.
Quella di cui gli americani vanno talmente orgogliosi da rasentare il fanatismo agli occhi del resto del mondo.
Quella che anche io ho imparato a rispettare e ringraziare per tutto ciò che mi ha donato.
Quella che, quando la vedi sventolare nelle grandi occasioni, ti mesmerizza al punto che ti spinge ad abbracciare improvvisamente lo sconosciuto di fianco a te, in preda ad uno spirito di fratellanza smodata, non importa se DEM o REP, ispanico o yankee, mormone o buddista, black or white, no-mask o pro-vax, vegano o cannibale.

Come e perché le mie due piccole pesti abbiano incendiato la bandiera statunitense, sotto la mia supervisione sbigottita, lo svelo in “Bye bye bandiera, addio“.
Con l’amichevole partecipazione di quei bravi ragazzi piromani dei Boy Scouts americani…

Photo by Mael BALLAND on Unsplash
Photo by Mael BALLAND on Unsplash

Pietro, Provenzano’s blog

Pubblicità

Pubblicato da pietroprovenzano

Scrittura, Comunicazione, Web: tre passioni che, ad un certo punto, sono diventate un lavoro (Web Content Manager/Copywriter), per conto di una web agency torinese, per la quale ho curato la parte SEO e SMO dei clienti, occupandomi di Social Media Strategy e costruzione di ecosistemi digitali. Ma la vita è sempre piena di sorprese, incontri inaspettati, circostanze impreviste, scelte giuste e scelte sbagliate. Sicché, impegnato tra un progetto e l'altro, ecco che ora mi ritrovo a vivere sull'altra sponda dell'Oceano Atlantico, a svolgere un lavoro totalmente diverso, nel campo della ristorazione. Una storia lunga. Talmente lunga, che ho deciso di raccontarla nel libro: "Tirati su, sei un budda anche tu", le cui vendite su Amazon.it stanno contribuendo ad aiutare un orfanotrofio del Nepal. Se volete saperne di più… Un cambiamento drastico, dunque. Ma come si può notare, è rimasta a farmi compagnia la mia prima passione, quella di sempre, che non mi abbandonerà mai: la scrittura :-)

Una opinione su "Bandiera rotta, onor di capitano?"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: